D'ONGHIA LUCA
LUCA D'ONGHIA
Professore Associato
LINGUISTICA ITALIANA
Tel. +39 050 509155
fax +39 050 563513
SEDE DI LAVORO

Palazzo della Canonica

Classe di Scienze Umane
Piazza dei Cavalieri, 8
56126, PISA

Luca D’Onghia (Imola, 1980) ha studiato all’Università di Pisa e alla Scuola Normale Superiore, dove si è formato sotto la guida di Alfredo Stussi perfezionandosi in Discipline filologiche e linguistiche moderne nel 2008. Presso la Scuola Normale è attualmente professore associato di Storia della lingua italiana, dopo essere stato ricercatore a contratto (2008-2011) e ricercatore di ruolo (2011-2016).

Ha insegnato Storia della lingua italiana e Filologia italiana a Potenza (2009/2010), Pisa (2013/2014), Venezia (2012/2013), Pavia (Istituto Universitario di Studi Superiori: 2014/2015, 2015/2016, 2016/2017) e Losanna (2016: professore invitato nell’àmbito della scuola dottorale di Studi italiani del Consorzio Universitario della Svizzera Occidentale). Ha partecipato, su invito o su selezione, a vari convegni e seminari (Bologna, Cosenza, Ferrara, Padova, Palermo, Pisa, Roma, Venezia, Udine; Boston, Losanna, New York, Parigi). È stato membro di commissioni di concorso o commissioni d’uscita per il dottorato a Pisa (2011, 2015), Vercelli (2012), Venezia (2014), Urbino (2015), Losanna-Venezia (2016); alla Scuola Normale fa parte della commissione del PhD in Letteratura, arte e storia dell’Europa medioevale e moderna. In qualità di borsista ha collaborato alla redazione del Lessico Etimologico Italiano diretto da Max Pfister e Wolfgang Schweickard all’Università del Saarland (2003/2004).

Ha al suo attivo una novantina di pubblicazioni nelle quali si è dedicato soprattutto alle forme del teatro comico italiano d’età moderna, a problemi di sintassi ed etimologia italo-romanza, alla letteratura dialettale riflessa e al plurilinguismo letterario tra Quattro- e Seicento. Ha procurato tra l’altro le edizioni critiche commentate del Saltuzza di Andrea Calmo (Padova, Esedra, 2006), della Moschetta di Ruzante (Venezia, Marsilio, 2010; premio Brunacci Monselice 2010) e delle prime tre commedie di Aretino (Parma-Milano, Guanda-Fondazione Bembo, 2014, con introduzione di M.C. Cabani). Attualmente lavora a una monografia complessiva su espressionismo e plurilinguismo nel Cinquecento italiano, e a una nuova edizione critica commentata de La casa nova di Carlo Goldoni (nell’àmbito dell’Edizione Nazionale). È coordinatore di unità locale del PRIN «Repertorio Epistolare del Cinquecento. Teorie, lingua, pratiche di un genere» (coordinatore nazionale Paolo Procaccioli), finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca per il triennio 2016-2019 con 394.022 euro.

Curriculum vitae dettagliato e lista aggiornata delle pubblicazioni sono disponibili in linea anche all’indirizzo https://scuola.academia.edu/LucaDOnghia.

Pubblicazioni