You are here

Simonide Braconi, viola e viola d'amore - Andrea Dindo, pianoforte

Musiche di Schumann, Hindemith, Braconi, Tchaikovsky, Brahms

Programma

Robert Schumann (Zwickau, 8 giugno 1810 – Endenich, 29 luglio 1856)
Adagio e Allegro op. 70

Paul Hindemith (Hanau, 16 novembre 1895 – Francoforte, 28 dicembre 1963)
Kleine Sonaten op.25 n. 2 per viola d’amore e pianoforte
Massig schnell
Sehr Langsam
Sehr lebhaft

Simonide Braconi
Fantasia in due movimenti per viola e pianoforte

Pyotr Ilych Tchaikovsky (Votkinsk, Russia, 1840 - San Pietroburgo, 1893)
Notturno op. 19

Johannes Brahms (Amburgo, 7 maggio 1833 – Vienna, 3 aprile 1897)
Sonata op. 120 N. 1 per viola e pianoforte
Allegro appassionato
Andante un poco adagio
Allegretto grazioso
Vivace

Andrea Dindo

Allievo di Renzo Bonizzato presso il Conservatorio di Verona, ha perfezionato successivamente gli studi pianistici per un triennio con Aldo Ciccolini, Andrzej Jasinski presso il Mozarteum di Salisburgo ed Alexis Weissenberg, in seguito a selezione internazionale, presso la masterclass di Engelberg (Lucerna).

È stato allievo di Renato Dionisi per la composizione e di Piero Bellugi per la direzione d’orchestra.

Già Maestro Sostituto della Fondazione Arena di Verona, con esperienze di sala, palcoscenico e suggeritore, è da sempre dedito alla musica da camera in collaborazione con i migliori talenti della sua generazione, è stato premiato al Concorso di Musica da Camera di Parigi, ha tenuto concerti in prestigiose sale quali la Weill Recital Hall at Carnegie Hall di New York, la Pablo Casals Hall di Tokyo, per Radio France , la Wigmore Hall e la Royal Academy di Londra, il teatro Coliseum di Buenos Aires e nelle principali stagioni concertistiche italiane tra le quali la stagione cameristica dell’Accademia di Santa Cecilia di Roma, l’Unione Musicale di Torino, la Società del Quartetto di Milano, gli Amici della Musica di Firenze e tre edizioni dei concerti del Quirinale in diretta radiofonica.

Ha inciso per le etichette Agorà, Harmonia Mundi France, Velut Luna e JVC Victor Japan e per il mensile Amadeus in un’integrale lisztiana del repertorio per violino e pianoforte.

Ha debuttato in veste di Direttore d’orchestra all’ Auditorium Parco della Musica di Roma e successivamente diretto le orchestre del Teatro Olimpico di Vicenza, i Pomeriggi Musicali di Milano, l’Orchestra da Camera di Mantova, l'Orchestra da camera di Brescia, l’Orchestra Filarmonica di Torino, l’Orchestra della Svizzera Italiana, l’Orchestra Haydn di Trento e Bolzano, l'Orchestra da Camera di Padova e del Veneto, con i solisti del Martha Argerich Project.

Per tre anni consecutivi è stato confermato nella direzione del Concerto di Capodanno presso il teatro Ponchielli di Cremona con la Filarmonica dell'Opera Italiana "Bruno Bartoletti”, la Czech Chamber Orchestra e l’Orchestra Bruno Maderna con solisti il tenore Fabio Armiliato, il soprano Daria Masiero e il violinista Stefan Milenkovich.

Membro titolare del progetto "Con Verdi nel mondo" si é esibito in versioni cameristiche del repertorio operistico in prestigiose sale di Brasile, Spagna, Belgio, Lussemburgo Svezia, Finlandia e Danimarca. 

Con l'Ensemble Salotto '800, fondato dal celebre baritono Leo Nucci, ha diretto numerosi titoli operistici tra i quali Madama Butterfly, Cavalleria Rusticana e Tabarro, oltre a recital lirico vocali e sinfonie d’opera. 

Ha recentemente diretto la prima assoluta dell'opera “La Gilda Furiosa” di Giulia Tagliavia, esecuzione che ha segnato il debutto di Stefano Benni in veste di librettista.

Si dedica inoltre assiduamente a forme di teatro musicale in collaborazione con gli attori Stefania Rocca, Renato Carpentieri ed in numerose repliche dello spettacolo “Opera Buffa” con Elio delle Storie Tese, nell’intento di promuovere il grande repertorio classico sia in contesti alternativi che in stagioni tradizionali ma in veste rinnovata.

Ha recentemente avviato il progetto “Canzoni in bianco e nero” sul repertorio da Kurt Weill a Cole Porter, in duo con la poliedrica artista Petra Magoni.

Particolarmente dedito alla formazione giovanile ha diretto per tre edizioni consecutive il Concerto Finale dell’Orchestra e Coro dell’Istituto Pareggiato Vittadini di Pavia presso il Teatro Fraschini.

Simonide Braconi

Nato a Roma, si è diplomato con il massimo dei voti al Conservatorio di "S.Cecilia" di Roma e successivamente alla music hochschule di Freiburg in Germania (con menzione d' onore), studiando rispettivamente con i maestri S.Esposito e K.Kashkashian.

Si è perfezionato con B.Giuranna (Acc. "W. Stauffer" di Cremona) e J.Bashmet (Acc. Chigiana di Siena, diploma di merito nel 1991 e nel 1992).

È stato premiato a diversi concorsi internazionali (tra cui Colonia e il "Lionel Tertis" competition in Inghilterra).

Prima viola dell' Orchestre des jeunes de la Mediterranèe, membro dell' orchestra della Comunità europea, ha collaborato in qualità di Prima viola con l' orchestra dell' Accademia di S. Cecilia a Roma e nel 1994, a soli 22 anni, è stato prescelto dal M. Riccardo Muti a ricoprire lo stesso ruolo nell' orchestra del Teatro alla Scala di Milano. Successivamente è’ stato invitato a suonare nei Berliner Philarmoniker

Come solista e in musica da camera ha inciso per le etichette discografiche Vigiesse,Thymallus, Rhona, Stradivarius, Agorà, Tudor, DAD, Velut Luna, Dynamic e Decca oltre a diverse registrazioni per Radio 3, RAI Radiotelevisione italiana ,Rete 4,  Sky Classica e per le riviste CD Classica, Suonare news, la Provincia di Cremona, Amadeus (integrale delle Sonate di Brahms) e Brilliant (Concerti per viola di A. Rolla, cd premiato con 5 stelle dalla rivista Musica).

In musica da camera ha collaborato con artisti quali S.Accardo, M.Quarta, J.Rachlin, T.Brandis, M.Rizzi, A.Sitzkovesky, U. Ughi,  I.Faust, P.Vernikov, D.Nordio, B.Canino, J.Swann, I. Golan, B.Petruchanski, A.Lucchesini,G. Andaloro, P. Restani, R.Filippini, E.Dindo, G. Sollima,  N.Gutman, F.Petracchi,trio di Parma, Henschel Quartett,E. Pahud, Sonia Ganassi, Jose Carreras e da solista con direttori tra i quali W.Sawallisch e R.Muti.

Insieme alle altre prime parti dell' Orchestra del Teatro ha costituito il Quartetto d' archi della Scala compiendo tournèes negli Stati Uniti, Sudamerica, Francia, Germania, Giappone e nelle maggiori società concertistiche in Italia.

Membro di giurie in diversi concorsi internazionali (tra cui Ginevra), è regolarmente invitato a tenere corsi in importanti istituzioni (Arts Academy a Roma, Festival delle città a Portogruaro, Gubbio festival, Accademia "T. Varga" a Sion, Accademia Perosi di Biella, Accademia di Musica di Pinerolo).

Tra le varie orchestre con le quali ha collaborato da solista spiccano l' Orchestra Stabile di Bergamo " G.Donizetti", l'orchestra "Accademia I Filarmonici",L'Orchestra Sinfonica Abruzzese, l' Orchestra Sinfonica Basca, l'Orchestra del Friuli Venezia Giulia, l'Orchestra "G. Cantelli", la United Europe Chamber Orchestra, la Baden Badener Orchestra,l'Ensemble Petruzzelli, I Filarmonici di Torino, la Sinfonica di Lubiana,i Solisti Aquilani,i Solisti di Pavia, Extremadura  Orquesta, l' Orchestra Haydn di Bolzano,la Sinfonica della Val D'Aosta, Orchestra sinfonica delle Gran Canarie, Sofia Philarmonic Orchestra, l'Orchestra Filarmonica della Scala con la quale ha interpretato con successo la kammermusik N. 5 (Concerto per viola) di P. Hindemith sotto la direzione del M. W. Sawallisch e l'Orchestra Sinfonica Cherubini con la quale ha interpretato la Sinfonia Concertante di Mozart sotto la direzione del M. R. Muti .

Attualmente è docente presso la Milano Music Master.

È anche solista di viola d’amore e come compositore ha pubblicato diversi lavori per la casa editrice MAP e SONZOGNO e diverse sue prime assolute sono state eseguite al Teatro alla Scala e alla Philarmonie di Berlino.

Suona una viola G. Gagliano (1800).