Sacro e profano

CONCERTO ITALIANO
Martedì, 16 Gennaio 2018
Ore 21:00
Concerto
Teatro Verdi

Rinaldo  Alessandrini | direzione e organo
Monica Piccinini | soprano
Anna Simboli | soprano
Andrea Arrivabene | alto
Andrés Montilla | tenore
Raffaele Giordani | tenore
Matteo Bellotto | basso
Ugo Di Giovanni | tiorba
Craig Marchitelli | tiorba

CLAUDIO MONTEVERDI (Cremona, 1567 – Venezia, 1643)
Litanie per la Vergine (da Messa…et salmi, Venezia 1650)
Dixit Dominus
a 6 voci (da Vespri, 1610)
Cantate Domino a 6 voci (da Bianchi, Mottetti, 1620)
Domine ne in furore tuo
a 6 voci (da Bianchi, Mottetti, 1620)
Laetatus sum
a 6 voci (da Vespri, 1610)

****

Baci soavi e cari (da Primo Libro de’ Madrigali)
Non m’è grave il morire (
da Secondo Libro de’ Madrigali)
Ch’io non t’ami (
da Terzo Libro de’ Madrigali)
Io mi son giovinetta (da Quarto Libro de’ Madrigali)
Ah, come a un vago sol cortese giro (da Quinto Libro de’ Madrigali)
Ohimè il bel viso (
da Sesto Libro de’ Madrigali)
Tu dormi? Ah, crudo core (da Settimo Libro de’ Madrigali)
Lamento della Ninfa: “Amor” – dicea (
da Ottavo Libro de’ Madrigali)
E così a poco a poco (
da Quinto Libro de’ Madrigali)

Concerto Italiano è nato nel 1984. La sua storia si sovrappone a quella della rinascita della musica antica in Italia. Monteverdi, Bach e Vivaldi sono stati i perni principali sopra i quali il gruppo ha saputo rinnovare il linguaggio della musica antica, rivelandone aspetti estetici e retorici completamente inediti. A distanza di tutti questi anni le incisioni discografiche di Concerto Italiano sono ancora considerate versioni di riferimento da critica e pubblico.
Concerto Italiano si esibisce regolarmente in prestigiosi contesti italiani e internazionali: Utrecht (Oude Muziek Festival), Rotterdam (De Doelen, De Singel), Antwerpen e Leuven (Flandern Festival), London (Lufthansa Festival, Queen Elizabeth Hall), Edimburgh (Edimburgh Festival), Aldeburgh, Glasgow, Wien (Konzerthaus), Graz (Styriarte), Innsbruck, Amsterdam (Concertgebouw), Bruxelles (Festival de Wallonie, Flandern Festival, Societè Philarmonique), Madrid (Liceo de Camara), Barcelona (Festival de Musica Antigua, Palau de la Musica), Valencia, Bilbao, Sevilla, S.Sebastian, Salamanca, Santander, Oslo (Chamber Music Festival), Bergen, Vantaa, Turku, Paris (Cité de la Musique, Théâtre de la Ville, Théâtre des Champs Élysées), Beaune, Lyon, Montpellier (Festival de Radio France), Metz (Arsenal), Ambronay, Saintes, Chase-Dieux, Köln (Conservatorio e WDR), Stuttgart, Darmstadt, Roma (Accademia di Santa Cecilia, Accademia Filarmonica Romana), Milano (Musica e Poesia a San Maurizio), Ravenna, Ferrara, Torino, Spoleto (Festival dei Due Mondi), Palermo (Festival Scarlatti), Perugia, Bologna (Bologna Festival), Napoli (Teatro San Carlo e Associazione Scarlatti), Istanbul, Tel Aviv, Gerusalemme, Warsaw, Krakow, Buenos Aires (Teatro Colon), Rio de Janeiro (Teatro S. Paolo), New York (Metropolitan Museum, Lincoln Center), Washington (Library of Congress), Tokyo.
Concerto Italiano ha realizzato la trilogia monteverdiana alla Scala e all’Opéra Garnier con la regia di Bob Wilson tra il 2009 e il 2015. Ha anticipato l’anno monteverdiano nel 2016 con una trionfale tournée in Australia e Nuova Zelanda dove ha eseguito i Vespri. Ha inoltre ricevuto il Premio Abbiati 2002 per le sue attività.

Rinaldo Alessandrini è clavicembalista, organista e fortepianista oltreché fondatore e Direttore di Concerto Italiano. Da venti anni sulla scena della musica antica, privilegia nelle scelte del suo repertorio la produzione italiana, cercando di riattribuire alle esecuzioni tutte quelle caratteristiche di cantabilità e mobile espressività che furono proprie allo stile italiano del Seicento e Settecento.
Oltre a curare l’attività di Concerto Italiano conduce un’intensa attività solistica, ospite dei festival di tutto il mondo, negli USA, in Canada, in Giappone oltre che in Europa. Ha diretto tra le varie opere Semele di Händel (Festival di Spoleto, Canadian Opera Company di Toronto); Catone in Utica di Vinci (Teatro di Lugo di Ravenna); L’incoronazione di Poppea (Welsh National Opera, Frankfurt Opera, Teatro Valli di Reggio Emilia, Teatro Comunale di Bologna, Opéra du Rhin; Opéra National de Bordeaux, Opéra Garnier, Teatro alla Scala); L’isola disabitata di Jommelli (Accademia Filarmonica Romana e Teatro dell’Opera di Roma; Teatro San Carlo di Napoli); L’Olimpiade di Vivaldi (Teatro Rendano di Cosenza); La Serva Padrona di Pergolesi (Freiburg Konzerthaus); Alcina di Handel (Liceu di Barcellona); Artaserse di Hasse (Teatro di Lugo di Romagna, Il ritorno di Ulisse in patria presso la Welsh National Opera e il Teatro alla Scala. È stato Direttore residente presso il RIAS Kammerchor di Berlino per la stagione 2015/16.
A partire dal 2016 è stato nominato Direttore musicale del Festival d’opera barocca che si terrà annualmente presso il Teatro Rossini di Lugo di Romagna.
Nel 2003 è stato nominato Chevalier dans l’ordre des Arts et des Lettres dal Ministro francese della Cultura. È accademico dell’Accademia Filarmonica Romana. Assieme a Concerto Italiano ha inoltre ricevuto nel 2003 il Premio Abbiati per l’attività svolta.

Contatti UO

Segretariato Generale

Palazzo della Carovana
Piazza dei Cavalieri, 7
56126 PISA

Responsabile: Elisa Guidi
tel: 050 509 307 - 323 - 554 - 324 – 493 – 407
e-mail: concerti@sns.it