CORO VINCENZO GALILEI
Domenica, 10 Giugno 2018
Ore 21:00
Concerto
Chiesa di Santa Maria del Carmine, corso Italia, PISA - INGRESSO LIBERO

CORO VINCENZO GALILEI
Gabriele  Micheli | direzione

Programma

Orlando di Lasso (Mons, 1532 – Monaco di Baviera, 1594)
Super flumina Babylonis – a 4 voci

Heinrich Schütz (Köstritz, 1585 – Dresda, 1672)
An den wassern zu Babel – per doppio coro e basso continuo

William Boyce (Londra, 1711 – Londra, 1779)
By the waters of Babylon – per coro e basso continuo

Samuel Webbe (Minorca, 1740 – Londra, 1816)
Super flumina Babylonis – per coro e organo

Johann Kaspar Aiblinger (Wasserburg am Inn, 1779 – Monaco di Baviera, 1867)
Super flumina Babylonis – per coro e basso continuo

***

Dietrich Buxtehude (Mons, 1532 – Monaco di Baviera, 1594)
Alles, was ihr tut – per soli, coro, archi e basso continuo

Henry Purcell (Londra, 1659 – Londra, 1695)
Sing unto the Lord – per solo, coro, archi e basso continuo

Johann Kuhnau (Geising, 6 aprile 1660 – Lipsia, 5 giugno 1722)
Gott sei mir gnädig – per soli, coro, archi e basso continuo

Nel 1967, per iniziativa di due personalità illuminate, nascono I Concerti della Normale. Gilberto Bernardini, allora Direttore della Scuola Normale Superiore, e il Maestro Piero Farulli ritenevano che la musica, intesa soprattutto come realtà esecutiva, come pratica e arricchimento intellettuale, rientrasse a tutti gli effetti nella cultura scientifica e umanistica, e che quindi dovesse divenire parte integrante della tradizione della Normale. Pochi anni dopo, nel 1975, sempre per volontà di Piero Farulli, si costituisce presso la Normale il Coro Vincenzo Galilei, dal nome del padre di Galileo, famoso teorico della musica e musicista. Composto in gran parte da studenti, docenti e ricercatori della Normale e dell’Università di Pisa, il Coro dispone oggi di un organico di circa trenta elementi. All’inizio della sua attività, il Coro Vincenzo Galilei è stato impegnato prevalentemente nell’esecuzione delle cantate di Johann Sebastian Bach. In seguito, ha esteso il proprio repertorio – che oggi copre un arco temporale che va dal Rinascimento al Novecento – realizzando programmi vasti e arti- colati che comprendono sia brani di musica polifonica a cappella, sia brani tratti dal repertorio sinfonico-corale, spaziando dai mottetti di Palestrina e Monteverdi a quelli di Wolf e Poulenc, dalle messe di Mozart e Haydn al repertorio corale di Mendelssohn - Bartholdy e Brahms. Tra le caratteristiche del Coro va menzionata la scelta di inserire spesso nei programmi opere poco conosciute o dimenticate. Nel rispetto di una rigorosa prassi esecutiva con strumenti originali, il Coro è stato affiancato già da diversi anni da gruppi strumentali rinascimentali e barocchi, fra i  quali gli Auser Musici, con cui ha eseguito la Passione secondo Giovanni di J. S. Bach, e l’ensemble La Pifarescha. Fra i direttori stabili che si sono succeduti alla sua guida, si ricordano i maestri Fosco Corti, Brunetta Carmignani, Piero Rossi e Francesco Rizzi, sotto la cui direzione il Coro si è classificato al primo posto al Concorso nazionale Trofeo della Vittoria di Vittorio Veneto nel 1991. Dal settembre del 2016, la direzione è affidata al Maestro Gabriele Micheli.
Gabriele Micheli si è diplomato in Pianoforte a Lucca nel 1980 e in Direzione di coro a Bologna nel 1984. Nell’approfondimento degli strumenti storici a tastiera ha studiato con Daniel Chorzempa alla Scuola di Musica di Fiesole ed ha seguito corsi di interpretazione a Londra con Kenneth Gilbert, e a Verona con Ton Koopman, specializzandosi nella realizzazione dell’accompagnamento dal basso numerato al cembalo e all’organo. Ha esordito lavorando in teatro come Maestro sostituto e Maestro al cembalo dal 1980 in stagioni liriche quali quelle del Festival Internazionale Villa Reale, Teatro del Giglio di Lucca, Teatro Sistina di Roma, lavorando con i grandi nomi del Teatro Lirico internazionale. Come continuista (al cembalo o all’organo) ha collaborato con direttori e solisti quali Frans Bruggen, Anner Bijlsma, Elly Ameling, Daniel Chorzempa, Paolo Pollastri, Pavel Kogan, Makiko Inoue, Daniele Gatti, nell’ambito della attività svolta con l’Orchestra della Toscana tra il 1986 ed il 1989. È stato Direttore ospite all’Università di Cincinnati, per la quale, oltre a collaborare come Maestro di stile per la vocalità italiana, ha diretto la messa in scena di Alcina di Händel, Amore e Morte su musiche di Claudio Monteverdi e una messa in scena sulla vita di Gesualdo da Venosa, con musiche di Alan Otte e madrigali di Gesualdo. Collabora come coach in masterclass internazionali sulla voce, per Gabriella Ravazzi, Daniel Ferro, Carmen Vilalta, Herbert Handt e per la Wichita State University. È stato Direttore artistico e musicale dell’Associazione Pro Musica Firenze dal 2002 al 2013 con il Maestro Riccardo Risaliti. Pianista accompagnatore al Conservatorio di Genova (1985 – 1989) e di Parma (1990 – 1995), dal 1996 è titolare della Cattedra di Esercitazioni Corali all’Istituto Superiore di Studi Musicali Pietro Mascagni di Livorno.

Contatti UO

Servizio Comunicazione e Relazioni Esterne

Palazzo della Carovana
Piazza dei Cavalieri, 7
56126 PISA

Responsabile: Elisa Guidi
tel: 050 509 307 - 323 - 554 - 324 – 493 – 407
e-mail: concerti@sns.it