MARIO BRUNELLO, ANDREA LUCCHESINI

Bach, Grieg, Sollima, Schnittke

MARIO BRUNELLO, ANDREA LUCCHESINI
Martedì, 21 Febbraio 2017
21.00
Concerto
Teatro Verdi, Pisa

MARIO BRUNELLO | violoncello
ANDREA LUCCHESINI | pianoforte

 

CARL PHILIPP EMANUEL BACH (Weimar, 1714 – Amburgo 1788)
12 variazioni sulla Folie d’Espagne

EDVARD HAGERUP GRIEG (Bergen, 1843 – 1907)
Sonata per violoncello e pianoforte in la minore, op. 36

* * *

GIOVANNI SOLLIMA (Palermo, 1962)
Follia per violoncello solo

ALFRED SCHNITTKE (Engels, 1934 – Amburgo, 1988)
Epilogo dal balletto Peer Gynt per violoncello, pianoforte e nastro magnetico

 

Mario Brunello ha studiato con Adriano Vendramelli, perfezionandosi in seguito con Antonio Janigro. Nel 1986 è il primo artista italiano a vincere il Concorso Tchaikovsky di Mosca, che lo proietta sulla scena internazionale. Viene invitato dalle più prestigiose orchestre tra le quali la London Philharmonic, la Munich Philharmonic, la Philadelphia Orchestra, la Mahler Chamber Orchestra, l’Orchestre Philharmonique de Radio France, la DSO Berlin, la London Symphony, la NHK Symphony di Tokyo, la Kioi Sinfonietta, la Filarmonica della Scala, l’Accademia di Santa Cecilia. Lavora con direttori quali Valerij Gergiev, Antonio Pappano, Jurij Temirkanov, Manfred Honeck, Riccardo Chailly, Vladimir Jurowski, Ton Koopman, Riccardo Muti, Daniele Gatti, Myung-Whun Chung e Seiji Ozawa.
Dal 1994, quando fonda l’Orchestra d’Archi Italiana, Brunello si presenta sempre più di frequente nella doppia veste di Direttore e solista. Nell’ambito della musica da camera collabora con celebri artisti, tra cui Gidon Kremer, Yuri Bashmet, Martha Argerich, Andrea Lucchesini, Frank Peter Zimmermann, Isabelle Faust, Maurizio Pollini, Valerij Afanas’ev e l’Hugo Wolf  Quartet.
Nella sua vita artistica riserva ampio spazio a progetti che coinvolgono forme d’arte e saperi diversi (teatro, letteratura, filosofia, scienza), integrandoli con il repertorio tradizionale. Interagisce con artisti di differente background culturale quali Uri Caine, Paolo Fresu, Marco Paolini, Stefano Benni, Moni Ovadia, Gianmaria Testa e Vinicio Capossela. Attraverso nuovi canali di comunicazione cerca di avvicinare il pubblico a un’idea diversa e multiforme del far musica, creando spettacoli interattivi che nascono in gran parte nello Spazio Antiruggine, un’ex-officina ristrutturata, luogo ideale per la sperimentazione. I diversi generi artistici si riflettono nell’ampia discografia che include opere di Vivaldi, Bach, Beethoven, Brahms, Schubert, Haydn, Chopin, Janáček e Sollima. Mario Brunello è Direttore musicale del Festival Arte Sella e Accademico di Santa Cecilia. Suona il prezioso violoncello Maggini dei primi del Seicento appartenuto a Franco Rossi.

Formatosi sotto la guida di Maria Tipo, Andrea Lucchesini si impone all’attenzione internazionale giovanissimo vincendo il Concorso Internazionale Dino Ciani presso il Teatro alla Scala di Milano. Suona da allora, in tutto il mondo con le orchestre più prestigiose, collaborando con direttori quali Claudio Abbado, Semyon Bychkov, Roberto Abbado, Riccardo Chailly, Dennis Russell Davies, Charles Dutoit, Daniele Gatti, Gabriele Ferro, Gianluigi Gelmetti, Daniel Harding, Vladimir Jurowski, Gianandrea Noseda e Giuseppe Sinopoli. La sua ampia attività, contrassegnata dal desiderio di esplorare la musica senza limitazioni, lo vede proporre programmi che spaziano dal repertorio classico all’oggi e gli vale già nel 1994 il riconoscimento dei musicologi europei da cui riceve – unico italiano finora – il Premio Internazionale Accademia Chigiana, mentre l’anno successivo il Premio F. Abbiati testimonia l’apprezzamento della critica italiana. Convinto  che la trasmissione del sapere musicale alle giovani generazioni sia un dovere morale, Lucchesini si dedica con passione all’insegnamento, attualmente presso la Scuola di Musica di Fiesole, della quale è stato anche Direttore artistico dal 2008 al 2016.
È inoltre invitato a tenere masterclass presso importanti istituzioni musicali europee, quali la Musik Hochschule di Hannover, il Sommer Wasserburger Festspiele e il Mozarteum di Salisburgo; dal 2008 è Accademico di Santa Cecilia.

Contatti UO

Servizio Comunicazione e Relazioni Esterne

Palazzo della Carovana
Piazza dei Cavalieri, 7
56126 PISA

Responsabile: Elisa Guidi
tel: 050 509 307 - 323 - 554 - 324 – 493 – 407
e-mail: concerti@sns.it