MAURIZIO BAGLINI, SILVIA CHIESA

MAURIZIO BAGLINI, SILVIA CHIESA
Martedì, 23 Gennaio 2018
Ore 21:00
Concerto
Teatro Verdi

Maurizio Baglini | pianoforte
Silvia Chiesa | violoncello
 

FELIX MENDELSSOHN - Bartholdy (Amburgo, 1809 – Lipsia, 1847)
Sonata n. 2 per violoncello e pianoforte op. 58
Allegro assai vivace - Allegretto scherzando - Adagio - Finale: molto allegro e vivace

ROBERT ALEXANDER Schumann (Zwickau, 1810 – Endenich, 1856)
5 pezzi popolari op. 102
Mit humor - Langsam - Nicht schnell, mit viel Ton zu spielen - Nicht zu rasch - Stark and markirt

****

NICOLA Campogrande (Torino, 1969)
150 decibel
Molto allegro - Largo - Presto

SERGEJ Rachmaninov (Oneg, Novgorod, 1873 – Beverly Hills, 1943)
Sonata per violoncello e pianoforte in sol minore op. 19
Lento, Allegro moderato - Allegro scherzando - Andante - Allegro mosso

Il pianista Maurizio Baglini è tra i musicisti più brillanti e apprezzati sulla scena internazionale. Ha al suo attivo un’intensa carriera: oltre milleduecento concerti come solista e altrettanti di musica da camera. Nato a Pisa nel 1975 e vincitore a 24 anni del World Music Piano Master di Montecarlo, da allora è ospite dei più prestigiosi festival e viene invitato come solista e in formazioni di musica da camera dalle maggiori istituzioni. Dal 2005 ha tenuto oltre duecento concerti con la violoncellista Silvia Chiesa: al loro duo sono dedicati brani di Betta, Campogrande, Cascioli e Corghi. Dal 2008 promuove il progetto Inno alla gioia, che lo porta a eseguire in tutto il mondo la Nona Sinfonia di Beethoven nella trascrizione per pianoforte di Liszt. Dal 2012, con l’artista multimediale Giuseppe Andrea L’Abbate, porta avanti   il progetto Web Piano, che abbina l’interpretazione dal vivo di capolavori pianistici – come il Carnaval di Schumann, i Quadri di un’esposizione di Mussorgsky o Images di Debussy – a una narrazione visiva originale e di grande impatto, proiettata su grande schermo (La Roque d’Anthéron, Teatro Comunale di Carpi, Teatro Comunale di Pordenone). Il suo vasto repertorio spazia da Byrd alla musica contemporanea, con riferimenti a Chopin, Liszt e Schumann. Dal 2005 Baglini è fondatore e Direttore artistico dell’Amiata Piano Festival. Dal 2011 al 2013 ha curato la direzione artistica del progetto di lezioni-concerto presso Palazzo Reale a Pisa e, dal 2006 al 2013, il festival da camera francese Les musiques de Montcaud. Dal 2013 è consulente artistico per la danza e per la musica del Teatro Comunale Verdi di Pordenone; nel 2015 è stato nominato Ambasciatore culturale della Regione Friuli Venezia Giulia e il suo Omaggio a Pier Paolo Pasolini ha ottenuto il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Maurizio Baglini suona un grancoda Fazioli.
La violoncellista Silvia Chiesa ha conquistato pubblico e critica grazie a una brillante carriera da solista che la colloca tra le interpreti italiane più apprezzate nel mondo, con regolari tournée nei principali paesi europei, ma anche negli Stati Uniti, in Cina, Australia, Africa e Russia. Il suo percorso artistico è caratterizzato dall’ampiezza e dall’originalità del repertorio, che comprende anche autori e brani poco noti o ingiu- stamente dimenticati. Si segnala a questo proposito la sua fortunata riscoperta di due capolavori sconosciuti di Nino Rota: i Concerti per violoncello, registrati insieme all’Orchestra Nazionale della Rai di Torino diretta da Corrado Rovaris. Alla violoncellista milanese spetta anche un ruolo di primo piano nella fioritura del repertorio contemporaneo per il suo strumento. Non a caso è dedicataria del Concerto per violoncello e orchestra di Matteo D’Amico e ha eseguito in prima italiana lavori di Gil Shohat, Nicola Campogrande, Aldo Clementi, Michele Dall’Ongaro, Peter Maxwell Davies e Giovanni Sollima. Nel 2005 ha costituito con il pianista Maurizio Baglini un duo stabile, con cui ha tenuto oltre duecento concerti su prestigiosi palcoscenici internazionali come la Salle Gaveau di Parigi, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Oriental  Art  Center di Shanghai, la Sala Cecília Meireles di Rio de Janeiro, la Victoria Hall di Ginevra, nonché in Libano, Russia, Brasile, Belgio, Islanda, Israele e Australia. Al loro duo sono dedicati brani di Marco Betta, Nicola Campogrande, Gianluca Cascioli e Azio Corghi. Quest’ultimo le ha dedicato …tra la Carne e il Cielo: un nuovo lavoro per violoncello concertante, ispirato a Pier Paolo Pasolini, eseguito in prima assoluta al Teatro Comunale di Pordenone. Suona un violoncello Giovanni Grancino del 1697.

Contatti UO

Servizio Comunicazione e Relazioni Esterne

Palazzo della Carovana
Piazza dei Cavalieri, 7
56126 PISA

Responsabile: Elisa Guidi
tel: 050 509 307 - 323 - 554 - 324 – 493 – 407
e-mail: concerti@sns.it