Archeologia e storia dell’arte greca e romana - Spazio sacro e potere politico tra Grecia, Roma, Magna Grecia e Sicilia: contesti, committenza, monumenti

Periodo di svolgimento
Ore del corso
50
Ore dei docenti responsabili
40
Ore di didattica integrativa
10
‌‌

Modalità esame

Prova orale

Prerequisiti

Conoscenza delle lingue antiche (greco e latino). Il corso è rivolto principalmente agli studenti del corso ordinario.

Programma

Ancora al tempo di Platone, i santuari, in particolare quelli panellenici, rappresentavano i principali luoghi del Mediterraneo dove esibire e sfoggiare i kallistoi e gli aristoi della comunità civica: grazie alla presenza dei più belli e dei migliori tra i politai durante le grandi adunanze (agoni, sacrifici, riunioni politiche), una polis godeva dell’eudokimia, di buona reputazione. Tale ostentazione valeva quanto una vittoria bellica: un riconoscimento internazionale dell’eccellenza di una città attraverso le qualità fisiche e morali dei propri rappresentanti. La percezione di queste manifestazioni, sacre e civili, ci consente di comprendere in controluce la portata e l’importanza non solo dei giochi e delle gare che si svolgevano nei santuari, ma anche il bisogno da parte di una polis di ostentare la propria superiorità sulle altre comunità greche attraverso segni tangibili e visibili: oltre ai giovani kallistoi e aristoi, offerte, ex-voto, monumenti votivi. I santuari greci rappresentano i luoghi deputati alla competizione tra le città del Mediterraneo antico e alla promozione sociale del privato cittadino. Una rivalità che poteva esplicarsi a vari livelli: durante le gare atletiche tra i concorrenti, nelle architetture e nei monumenti votivi offerti dalle poleis, nel rapporto tra committenti e artisti incaricati di realizzare ex-voto per celebrare vittorie e vincitori. il tema sarà declinato su un ampio orizzonte cronologico e culturale, includendo le manifestazioni più rilevanti dell'Occidente greco e di Roma.

Obiettivi formativi

Il corso intende fornire conoscenza di base di topografia, architettura, storia dell'arte greca e romana.

Riferimenti bibliografici

Adornato 2005                      G. Adornato, Il tripode di Gelone a Delfi, RendLinc, serie 9, 16 (3), 395-420

Adornato 2008                      G. Adornato, Delphic Enigmas? The Γέλας ἀνάσσων, Polyzalos and the Charioteer statue, AJA 112(1):29–55

Adornato 2011                      G. Adornato, Akragas arcaica. Modelli culturali e linguaggi artistici in una citta’ greca d’Occidente, Milano: LED

Ampolo 2006                         C. Ampolo, Diplomazia e identità culturale delle comunità: la testimonianza dei caducei, in Guerra e pace 2006, 181-9

Antonaccio 2007                   C.M. Antonaccio, Elite mobility in the West, in Hornblower - Morgan 2007, 265-85

Dimartino 2010                     A. Dimartino, Artisti itineranti: l’evidenza epigrafica, in G. Adornato (ed.), Scolpire il marmo. Importazioni, artisti itineranti, scuole artistiche nel Mediterraneo antico, Atti del convegno (Pisa, 9-11 novembre 2009), Milano 2010, 9-40

Dyer 1905                              L. Dyer, Olympian Treasuries and treasuries in general, JHS 25 (1905), 294-319

Giangiulio 1989                     M. Giangiulio, Ricerche su Crotone arcaica, Pisa: Pubblicazioni della Classe di Lettere e Filosofia, Scuola Normale Superiore

Guerra e pace 2006               Guerra e pace in Sicilia e nel Mediterraneo antico (VIII-III sec. a.C.), Atti delle quinte giornate internazionali di studi sull’area elima e la Sicilia occidentale nel contest mediterraneo (Erice, 12-15 ottobre 2003), Pisa 2006

Harrell 2002                          S.E. Harrell, King or private citizen: fifth-century Sicilian tyrants at Olympia and Delphi, Mnemosyne, 55, 4 (2002), 439-64

Hornblower – Morgan 2007 S. Hornblower – C. Morgan (eds.), Pindar’s poetry, patrons and festivals. From Archaic Greece to the Roman Empire, Oxford: Oxford University Press

Ioakimidou 2000                   Chr. Ioakimidou, Auch wir sind Griechen! Statuenreihen westgriechischer Kolonisten in Delphi und Olympia, Nikephoros 2000, 13, 63-94.

Kurke 1993                            L. Kurke, The economy of kudos, in C. Dougherty – L. Kueke (eds.), Cultural poetics in Archaic Greece, Oxford 1993, 131-63

Jacquemin 1999                    A. Jacquemin, Offrandes monumentales à Delphes, Paris (B.E.F.A.R. 304)

Lazzarini 1976                      M.L. Lazzarini, Le formule delle dediche votive nella Grecia arcaica, MemLinc, serie 8, 19 (1976), 47-354

Maehler 2002                        H. Maehler, Bakchylides and the Polyzalos inscription, ZPE 139 (2002) 19-21. 

Mallwitz 1972                       A. Mallwitz, Olympia und seine Bauten, Darmstadt

Meyer 2017                        M. Meyer, Athena, Goettin von Athen. Kult und Mythos auf der Akropolis bis in klassische Zeit, Wien

Moretti 1957                         L. Moretti, Olympionikai, i vincitori negli antichi agoni olimpici, MemLinc, serie 8, 8 (2), 57-198

Neer 2004                              R. Neer, The Athenian treasury at Delphi and the material of politics, ClA 23 (1), 63-93

Neils 1992                              J. Neils (ed.), Goddess and Polis. The Panathenaic Festival in ancient Athens (Mostra, Hanover, New Hampshire, September 12-December 2, 1992; Tampa, January 9-April 16, 1993; Richmond, May 11-August 1, 1993; Princeton, August 31-November 28, 1993), Hanover-Princeton 1992.

Smith 2007                            R.R.R. Smith, Pindar, athletes, and the early Greek statue habit, in Hornblower – Morgan 2007, 83-139

Steiner 2003                          D.T. Steiner, Images in mind. Statue in Archaic and Classical Greek literature and thought, Princeton – London (2nd printing)

Thomas 2007                         R. Thomas, Fame, memorial, and choral poetry: the origins of epinikian poetry – an historical study, in Hornblower – Morgan 2007, 141-66