Letteratura italiana contemporanea - Mario Luzi e la tradizione poetica del Novecento

Periodo di svolgimento
‌‌
Info sul corso
Ore del corso
20
Ore dei docenti responsabili
20
Ore di didattica integrativa
0
CFU 3
‌‌

Modalità esame

Relazione di seminario

Docente

Vedi dettagli del docente

Prerequisiti

Tutti gli anni di corso

Programma

Il corso intende ripercorrere e analizzare l’opera poetica di Mario Luzi (Sesto Fiorentino 1914-Firenze 2005), una delle voci più alte del Novecento poetico europeo nella prospettiva di restituire un quadro complessivo del suo percorso artistico e intellettuale, e ponendo tale cammino in relazione con la tradizione poetica novecentesca.

Dall’esordio letterario del 1935 con la breve raccolta La barca, nata nel contesto ermetico fiorentino, una prima parte del corso sarà dedicata alla prima fase della produzione poetica dell’autore: la silloge Avvento notturno (1940), Un brindisi (1944), Quaderno gotico (1947) con particolare attenzione al ruolo che la notte e l’ombra rappresentano nel legame tra poesia e storia.

In un secondo momento le lezioni si occuperanno della fase intermedia dell’opera di Luzi, gli anni Cinquanta e Sessanta con le raccolte Primizie del deserto (1952), Onore del vero (1957), Il giusto della vita (1960), Nel magma (1963, 1966), Dal fondo delle campagne (1965), fase sino ad oggi considerata dalla critica la più riuscita nell’evoluzione e nell’affinamento della tecnica dialogica dentro la scrittura poetica, e nella costruzione di una nuova forma di riflessione sul rapporto tra città e campagna negli anni del boom economico e industriale italiano.

Una terza sezione del corso riattraverserà la produzione in versi degli anni Settanta e Ottanta – da Su fondamenti invisibili (1971) a Per il battesimo dei nostri frammenti (1985), passando per una raccolta fondamentale come Al fuoco della controversia (1978), oggetto in particolare di un terzo modulo dei corsi del 2024 di Letteratura Italiana Contemporanea tenuti presso la Scuola Normale Superiore ­­– per mostrare come il poeta toscano, nel periodo più maturo della creazione, abbiamo unito argomentazioni civili e politiche con il massimo della sapienza tecnica e stilistica nell’uso delle forme e delle misure del verso, aprendo almeno in parte la lettura e la conoscenza della sua opera ad un pubblico non solo di addetti ai lavori.

Obiettivi formativi

Acquisire strumenti per la comprensione e il commento della poesia del Novecento italiano.

Approfondire e confrontare le più recenti ricerche teoriche, sia nazionali sia internazionali, sul genere dell'antologia di poesia.

Mostrare capacità ermeneutiche nell'interpretazione intra e intertestuale di opere di una/uno o più autrici e autori.

Studiare la storia dell'editori di peosia italiana.

Ragionare sulla matrice storica delle scelte autoriali.

Approfondire la conoscenza dell'opera letteraria, artistica e intellettuale delle poete italiane del Novecento.

Ragionare sulla nozione di canone nel Novecento poetico.

Riferimenti bibliografici

M. Luzi, L’opera poetica, a cura di S. Verdino, Mondadori, Milano 2005.

 

S. Verdino, La poesia di Mario Luzi. Studi e materiali (1985-2005), Esedra editrice, Genova 2006.

Frammenti di Novecento. Conversando con il poeta protagonista e testimone di un secolo, Libro intervista con Renzo Cassigoli, Le Lettere, Firenze 2000.

 

E. Donzelli, Mario Luzi: nel nome della madre,in “in lontane chiarità”. Studi per Mario Luzi con alcuni inediti, a cura di P. Rigo e L. Toppan, pp. 185-199 (atti del convegno, 14-15 ottobre 2014 - Università degli studi di Roma Tre) – e tutto il volume di studi. Il saggio è confluito poi in E. Donzelli, Giorgio Caproni e gli altri: temi, percorsi, incontri nella poesia europea del Novecento, Marsilio editori, Venezia, 2016.