Letteratura italiana contemporanea - Mario Luzi: poesia della storia e del terrorismo

Periodo di svolgimento
‌‌
Info sul corso
Ore del corso
20
Ore dei docenti responsabili
20
Ore di didattica integrativa
0
CFU 3
‌‌

Modalità esame

Relazione di seminario

Docente

Vedi dettagli del docente

Prerequisiti

Tutti gli anni di corso

Programma

È davvero la seconda, degli anni Cinquanta e Sessanta, la fase più innovativa della produzione poetica di Mario Luzi, nell’ottica dell’interazione tra argomenti e contenuti da un lato, forme e stili dall’altro all’interno del testo poetico? Oppure sono gli anni Settanta e Ottanta i due decenni della produzione poetica in grado di ripensare l’identità dell’individuo all’interno di una società italiana di matrice cattolica, politicamente scossa da eventi di conflitti generazionali e violenza, rappresentando una sintesi di tutte le migliori caratteristiche dell’opera dello scrittore toscano?

Da sempre la critica ha puntato l’obiettivo soprattutto sulla ‘riuscita’ sperimentale e sul successo di pubblico dei libri di poesia luziani pubblicati negli anni Cinquanta e Sessanta, individuando come un capitolo importante, ma a sé stante nella storia della letteratura del Novecento, le pubblicazioni in versi del decennio successivo. Soprattutto non riconsiderando sino in fondo il valore che le raccolte in versi di Mario Luzi scritte quasi in presa diretta negli anni Settanta - e apparse a pochissimo, o relativo, tempo di distanza dalla ideazione e composizione - hanno avuto all’interno del canone della tradizione poetica novecentesca, prima di tutto attraverso la valutazione del legame che intercorre tra poesia e realtà, poesia e storia, poesia e movimento del linguaggio.

Il corso intende approfondire la riflessione critica e storica sull’opera in versi di Mario Luzi Al fuoco della controversia,uscita in un anno cruciale per la storia del nostro paese quale il 1978. L’analisi verterà attorno alla narrazione in versi nella poesia italiana del secondo Novecento di un episodio completamente ignorato sino ad oggi dalla critica quale il terrorismo, affrontato solo nell’ambito degli studi dedicati alla narrativa italiana del secolo scorso.

A partire dai componimenti che Luzi ha dedicato all’oscurità e alla violenza degli eventi della storia politica italiana degli anni Settanta (in particolare dalla morte di Pasolini nel novembre1975 all’uccisione di Aldo Moro nel maggio del 1978), il corso perlustrerà anche altre e diverse forme di scrittura poetica dedicate agli anni di piombo, includendo opere di Margherita Guidacci, Pier Paolo Pasolini, Nanni Balestrini, Franco Fortini ed altri ancora, e tentando di ricostruire tramite le fonti poetiche (intese come fonti artistiche e storiche), un pagina decisiva dell’autobiografia di una nazione. Una pagina, quella del terrorismo italiano degli anni Settanta, all’interno della quale la poesia sembra non svolgere alcuna funzione testamentaria, filologica, maieutica. Mostrandosi invece come discorso ‘umano’, letterario, ritmico-linguistico in grado di contribuire a livello ermeneutico e storico-bibliografico alla ricostruzione ‘identitaria’ di un pezzo della storia della Repubblica italiana che nell’ambito degli studi resta ancora in parte immerso in sola cronachistica ricostruzione, in tabù sociali o in interpretazione priva di intrecci di fonti spesso ‘ibride’ che tengano conto della dimensione tanto pubblica quanto privata del tragico storico.

 

“Muore ignominiosamente la repubblica.

Ignominiosamente la spiano

i suoi molti bastardi nei suoi ultimi tormenti.

Arrotano ignominiosamente il becco i corvi nella stanza accanto.

Ignominiosamente si azzuffano i suoi orfani,

si sbranano ignominiosamente tra di loro i suoi sciacalli.

Tutto accade ignominiosamente, tutto

meno la morte medesima – cerco di farmi intendere

dinanzi a non so che tribunale

di che sognata equità. E l’udienza è tolta”

 

[da M. Luzi, Al fuoco della controversia, 1978]

Obiettivi formativi

 Collocare da un punto di vista storico-letterario le opere trattate e le biografie degli autori.

- Sviluppare conoscenze e capacità ermeneutiche nella comprensione del senso di un singolo testo poetico.

- Sviluppare conoscenze e competenze di base nell’analisi tecnica e stilistica dei testi.

- Individuare fonti intertestuali nell’elaborazione di un testo poetico.

- Individuare differenze formali e motivi comuni interpretando testi di diverse poete e diversi poeti a confronto

Riferimenti bibliografici

M. Luzi, Al fuoco della controversia, Garzanti, Milano 1978.

 

M. Luzi G. Tabanelli, Il lungo viaggio nel Novecento, Marsilio editori, Venezia 2014.

 

Indicazioni di lettura:

 

G. Crainz, Autobiografia di una Repubblica. Le radici dell’Italia attuale, Donzelli editore, Roma 2009.

 

G. Panvini, Cattolici e violenza. L’altro album di famiglia del terrorismo italiano, Marsilio editore, Venezia 2014.