Letteratura italiana - Saba e la psicoanalisi

Periodo di svolgimento
‌‌
Info sul corso
Ore del corso
20
Ore dei docenti responsabili
20
Ore di didattica integrativa
0
CFU 3
‌‌

Modalità esame

Prova orale

Docente

Vedi dettagli del docente

Prerequisiti

Il corso è dedicato ai perfezionandi ma aperto anche agli allievi del corso ordinario.

Programma

Il corso si incentrerà sul rapporto di umberto Saba nei confronti della psicoanalisi in antitesi a quello di Svevo con tale terapia e nel quadro della moda della terapia freudiana che caratterizza la Trieste dei primi decenni del Novecento. di necessità si ripercorreranno perciò i rapporti del poeta con lo psicanalista triestino Edoardo Weiss e si metteranno in rilievo i nodi principali che legano alcuni tratti del Canzoniere col pensiero psicoanalitico, da Saba fatto proprio, a differenza di Svevo, in maniera quasi maniacale. in particolare si approfondirà il profilo poetico della sezione Il piccolo Berto, con i traumi infantili fatti affiorare da Weiss che divengono poesia, e al tempo stesso si cercherà di argomentare la definizione data da Gianfranco Contini di un Saba "psicanalitico prima della psicanalisi", studiando il manifestarsi delle ossessioni sabiane già nei testi anteriori al Piccolo Berto, specie a partire dalla Autobiografia in sonetti. Si farà spazio inoltre anche alla prosa di Saba e soprattutto all'incompiuto romanzo Ernesto.

Obiettivi formativi

Il corso mira a presentare l'evoluzione della poòetica di Saba attraverso le sue varie stagioni, inquadrandola dal punto di vista dell'introspezione del sé e poi della convinta adesione alla dottrina freudiana.

Riferimenti bibliografici

G. Contini, Tre composizioni o 'la metrica' di Saba, in Id., Esercizi di lettura sopra autori contenporanei. Con un'appendice su autori non cintemporanei, Torino, Einaudi,  1974, pp. 25-33

M. Lavagetto, La gallina di Saba, Torino, Einaudi, 1974

S. Carrai, Saba, Roma, Salerno Ed., 2017