Storia della Filosofia Antica - Aristotele, De interpretatione: significato, verità, modalità.

Periodo di svolgimento
Ore del corso
40
Ore dei docenti responsabili
40
Ore di didattica integrativa
0
‌‌

Modalità esame

Relazione di seminario

Docente

Vedi dettagli del docente

Prerequisiti

Il corso si rivolge primariamente (anche se non esclusivamente) a studenti in possesso di una buona conoscenza della lingua greca. 

Programma

Aristotele, De interpretatione: significato, verità, modalità.

Il De Interpretatione di Aristotele ha esercitato un’enorme influenza sulla storia della logica e della filosofia del linguaggio occidentali. Dopo una sommaria e controversa esposizione delle relazioni semantiche tra parole, pensieri e oggetti, il trattato prosegue offrendo concise trattazioni di vari tipi di unità linguistiche, da nomi e verbi a locuzioni ed enunciati completi, per concentrarsi infine sul comportamento di coppie di enunciati dichiarativi contraddittori in relazione ai valori di verità (vero e falso) e alle nozioni modali (possibile, impossibile, necessario). Il famoso capitolo 9 discute la problematica connessione tra queste questioni e il problema del determinismo nel caso degli enunciati su eventi futuri contingenti.

Leggeremo e analizzeremo in dettaglio il De interpretatione, partendo dal testo greco, e discuteremo tutte le questioni filologiche e filosofiche che esso pone. Terremo conto dei commentatori antichi e confronteremo le posizioni di Aristotele con quelle di altri filosofi antichi (Platone, gli stoici e gli epicurei), da un lato, e con dibattiti filosofici contemporanei sul significato, la verità e il determinismo, dall'altro.

Il corso avrà una continuazione nel corso destinato agli allievi del perfezionamento. 

Obiettivi formativi

Il corso proporrà un esame approfondito, con taglio seminariale, di testi e problemi filosofici fondamentali dell'antichità classica, considerati da vari punti di vista: genesi e fortuna storica, sostanza concettuale, questioni filologiche. 

Riferimenti bibliografici

Edizioni critiche:

  • Minio-Paluello, L. (ed.), Aristotelis Categoriae et Liber De Interpretatione (Oxford, 1949).
  • Weidemann, H. (ed.), Aristoteles, De interpretatione (ΠΕΡΙ ΕΡΜΗΝΕΙΑΣ) (Berlin and New York, 2014).

  

Traduzioni e commenti:

  • Ackrill, J.L., Aristotle: Categories and De interpretatione (Oxford, 1963).
  • Weidemann, H. Aristoteles: Peri hermeneias, 3rd edn (Berlin, 2014). 

  

Studi:

  • Crivelli, P., Aristotle on Truth (Cambridge, 2004).
  • Weidemann, H., De interpretatione, in C. Shields (ed.), The Oxford Handbook of Aristotle (Oxford, 2012), 81–112.
  • Whitaker, C.W.A., Aristotle’s De interpretatione: Contradiction and Dialectic (Oxford, 1996).

 

Ulteriori indicazioni bibliografiche verranno fornite durante il corso.