Tu sei qui

Storia della filosofia antica - Aristotele, Categorie

Periodo di svolgimento

da Novembre 2020 a Maggio 2021
Ore del corso: 40
Ore dei docenti responsabili: 40

Modalità d'esame

  • Relazione o seminario

Prerequisiti

Il corso si rivolge primariamente (anche se non esclusivamente) a studenti in possesso di una buona conoscenza di base della lingua greca

Programma

Le Categorie sono uno dei testi fondamentali della filosofia occidentale. Per secoli sono state lette e commentate come un’introduzione alle opere logiche di Aristotele e alla filosofia in generale. Le distinzioni che vi vengono tracciate – fra termini ed enunciati, fra predicazione essenziale e accidentale, fra generi di entità, fra diversi modi in cui le cose possono essere opposte o anteriori l’una all’altra, fra tipi di cambiamento ecc. – hanno modellato la nostra grammatica filosofica e la nostra terminologia. Eppure questo breve trattato, nonostante la quantità di studi che gli è stata dedicata, rimane un’opera enigmatica, molti aspetti della quale – compresi il suo scopo reale e persino il suo titolo – sono controversi.

Leggeremo e analizzeremo le Categorie in dettaglio, partendo dal testo greco, e discuteremo tutte le questioni filologiche e filosofiche che esso pone. Nel far ciò terremo conto dei commentatori antichi e faremo confronti con dibattiti filosofici contemporanei.

Il corso avrà una continuazione nel corso destinato agli allievi del perfezionamento.

Obiettivi formativi

Il corso proporrà un esame approfondito, con taglio seminariale, di testi e problemi filosofici fondamentali dell'antichità classica, considerati da vari punti di vista: genesi e fortuna storica, sostanza concettuale, questioni filologiche. 

Riferimenti bibliografici

  •          Aristote, [Catégories], texte établi et traduit par R. Bodéüs, Paris 2001.
  •          Aristotelis Categoriae et Liber De Interpretatione, recognovit L. Minio-Paluello, Oxonii 1949.
  •          Aristotle, Categories and De interpretatione, trans. with notes by J.L. Ackrill, Oxford 1963.

 

Ulteriori indicazioni bibliografiche verranno fornite durante il corso.