Tu sei qui

Collegio Timpano

Il Collegio Timpano è stato la prima donazione immobiliare alla Scuola, nel 1932, in un'epoca di intenso rinnovamento: in quell’anno infatti si inaugurava la nuova Normale, riformata da Gentile, che vedeva ampliata la sede principale del Palazzo della Carovana e, con l'annessione del Collegio Puteano e della casa universitaria Domenico Timpano, aumentava gli alloggi disponibili da quindici a sessantuno.

Il palazzo, situato sul Lungarno Pacinotti, fu donato alla Scuola da un singolare personaggio, il calabrese Domenico Timpano, che aveva fatto fortuna vendendo negli Stati Uniti, al tempo del proibizionismo, i ricostituenti a base alcolica prodotti della sua industria farmaceutica. Danneggiato durante la seconda guerra mondiale dall’esplosione del vicino Ponte Solferino, è stato ricostruito negli anni Cinquanta, ed era inizialmente la sezione femminile degli alloggi per gli allievi della Scuola Normale Superiore.

Adesso è destinato all'accoglienza di allievi e borsisti ed è suddiviso all’interno in tre collegi: Timpano, Timpanino e Acconci (acquisito nel 1967).
I collegi Timpano ed Acconci, oggetto di una recente ristrutturazione, ospitano complessivamente 111 camere. Affacciati su un ampio giardino interno ospitano vari servizi e spazi per lo studio ed il tempo libero degli studenti (sala colazioni, emeroteca, stanza computer, sale studio, sala riunioni, sala musica, palestra, lavanderia)