Tu sei qui

Palazzo della Canonica

L’edificio occupa la parte orientale di Piazza dei Cavalieri: molti studiosi ne attribuiscono il disegno originario a Giorgio Vasari. La costruzione del Palazzo iniziò nel 1566 secondo un’idea progettuale che mirava a riunire in un unico corpo alcune strutture preesistenti. I lavori, realizzati a più riprese, durarono quasi quarant’anni, spesso interrotti dall’impiego delle risorse economiche nella costruzione della Chiesa di Santo Stefano, che affaccia anch’essa sulla piazza.

La Canonica era destinata al clero dell’Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano e vi abitarono fino alla soppressione dell’Ordine il priore della Chiesa dei Cavalieri e i cavalieri cappellani; negli ultimi decenni del Novecento la struttura ha ospitato alti prelati e poi il Genio Civile pisano, la cui iniziativa ha portato al restauro della parte dell’edificio tra via Ulisse Dini e l’ingresso principale all’inizio degli anni Ottanta.

Il Palazzo, che è stato concesso nel 2012 alla SNS dala Regione Toscana, attualmente ospita alcuni locali della Biblioteca recentemente strutturati, in previsione di ulteriori lavori, ai termini dei quali gli spazi saranno interamente destinati a biblioteca e laboratori.