Tu sei qui

Beatrice Rana - pianoforte

Musiche di Johann Sebastian Bach, Fryderyk Chopin

Programma

Johann Sebastian Bach (Eisenach, 1685 – Lipsia, 1750)
Suite francese n. 2 in do minore BWV 813
Allemanda
Corrente
Sarabanda
Aria
Minuetto I
Minuetto II
Giga

Fryderyk Chopin (Zelazowa Wola, Varsavia, 1810 – Parigi, 1849
4 Scherzi
Scherzo N. 1 in Si minore op. 20
Scherzo N. 2 in Si bemolle minore op. 31
Scherzo N. 3 in Do diesis minore op. 39
Scherzo N. 4 in Mi maggiore op. 54

Beatrice Rana ha già scosso il mondo della musica classica internazionale, suscitando ammirazione e interesse da parte di presentatori di concerti, direttori, critici e pubblico in molti paesi. Si esibisce nelle sale da concerto e nei festival più rinomati al mondo, tra cui il Konzerthaus e il Musikverein di Vienna, la Berlin Philharmonie, il Concertgebouw di Amsterdam, il Lincoln Center e la Carnegie Hall di Amsterdam, la Tonhalle di Zurigo, la Wigmore Hall di Londra, la Royal Albert Hall e la Royal Festival Hall, il Théâtre des Champs-Elysées di Parigi, la KKL di Lucerna, la Philharmonie di Colonia, la Philharmonie, il Prinzregententheater e la Herkulessaal di Monaco, Alte Oper di Francoforte, la Società dei Concerti di Milano, Ferrara Musica, il Verbier Festival, il Klavier Festival della Ruhr, il LAC di Lugano, La Roque d'Anthéron Festival, il Montpellier Radio-France Festival, i Rencontres Musicales d'Evian, l'Enescu Festival di Bucarest, il Mostly Mozart Festival al Lincoln Center, la Walt Disney Hall e la Hollywood Bowl di Los Angeles, il Kennedy Center di Washington DC.

Collabora con direttori d'orchestra del calibro di Yannick Nézet-Séguin, Antonio Pappano, Fabio Luisi, Riccardo Chailly, Yuri Temirkanov, Gianandrea Noseda, Vladimir Jurowski, Gustavo Gimeno, Jun Märkl, Trevor Pinnock, Louis Langrée, James Gaffigan, Mirga Gražinytė-Tyla, Sakari Oramo, Lahav Shani, Andrés Orozco-Estrada, Susanna Mälkki, Klaus Mäkelä, Kent Nagano, Leonard Slatkin o Zubin Mehta. Le collaborazioni orchestrali includono apparizioni con la Royal Concertgebouw Orchestra, la London Philharmonic Orchestra, la Bayerische Rundfunk Sinfonieorchester, la City of Birmingham Symphony Orchestra, la Royal Stockholm Philharmonic Orchestra, la Toronto Symphony Orchestra, la BBC Symphony Orchestra, la Philadelphia Orchestra, la Los Angeles Philharmonic, la Detroit Symphony Orchestra, la NHK Symphony, la Dallas Orchestra Sinfonica, l'Orchestra Sinfonica di Pittsburgh, l'Orchestra Sinfonica di Melbourne, la Filarmonica di Seoul, l'Orchestre National de France, la Tonkünstler Orchestra, l'Orchestra Sinfonica di Lucerna, l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l'Orchestra Sinfonica della RAI, la Filarmonica della Scala, la Filarmonica di Helsinki, la Royal Philharmonic Orchestra di Liverpool, la Danish National Symphony Orchestra e la Filarmonica di San Pietroburgo.

Nel corso delle prossime stagioni Beatrice Rana debutterà con la New York Philharmonic, l'Orchestre de Paris, l'Orchestra Sinfonica di Boston, la Deutsches Sinfonie Orchester, la London Symphony Orchestra e tornerà alla Pittsburgh Symphony Orchestra, alla Danish National Symphony Orchestra, alla Dallas Symphony Orchestra, alla Toronto Symphony Orchestra, alla Filarmonica della Scala, all'Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia e all'Orchestra Sinfonica di Anversa. Terrà inoltre tournée con i Wiener Symphoniker e Andrés Orozco-Estrada, l'LSO e Gianandrea Noseda, l'Orchestra Filarmonica del Lussemburgo e Gustavo Gimeno, la Philharmonia di Zurigo e Fabio Luisi.

Beatrice Rana si esibirà sul palcoscenico della Carnegie Hall nell'ambito della serie Virtuoso, il Théâtre des Champs-Elysées di Parigi, la serie Scherzo Great Performers di Madrid, il Gilmore Keyboard Festival, la Laisiszhalle di Amburgo (Pro Arte Series), tornerà al Concertgebouw e alla Wigmore Hall e sarà ospite di numerosi festival. Continuerà inoltre fino al 2022 la sua collaborazione con la Konzerthaus di Dortmund come «Junge Wilde» e in tournée con il violinista Renaud Capuçon.

Beatrice Rana registra in esclusiva per Warner Classics. Nel 2015, il suo primo album con il Concerto n. 2 per pianoforte di Prokofiev e il Concerto n. 1 per pianoforte di Ciajkovskij, eseguiti con Antonio Pappano e l'Accademia Nazionale Santa Cecilia di Roma, ha ricevuto riconoscimenti internazionali tra cui il prestigioso Editor's Choice del Gramophone Magazine e il premio Newcomer of the Year del BBC Music Magazine . L'anno 2017 rimarrà una pietra miliare nella sua carriera grazie alla pubblicazione delle Variazioni Goldberg di Bach. La registrazione è stata elogiata dai critici di tutto il mondo ed ha ricevuto due importanti riconoscimenti: "Young Artist of the Year" ai Gramophone Awards e "Discovery of the year" agli Edison Awards.

Nel giugno 2018, Beatrice Rana è stata scelta come 'artista femminile dell'anno' ai Classic BRIT Awards della Royal Albert Hall per la sua registrazione di Bach. Il suo ultimo album solista è stato pubblicato nell'ottobre 2019, con opere di Stravinsky e Ravel e ha ricevuto numerosi premi tra cui Diapason d'Or e Choc de la Classique in Francia.

Nel giugno 2013 Beatrice Rana ha vinto la medaglia d'argento (2° premio) e il 'premio del pubblico' al prestigioso Van Cliburn International Piano Competition.

Aveva tuttavia attirato l'attenzione internazionale già a 18 anni, con la vittoria del primo premio e di tutti i premi speciali al Concorso internazionale di Montreal, nel 2011.

Nata da una famiglia di musicisti nel 1993, Beatrice Rana ha debuttato come solista in orchestra all'età di 9 anni, eseguendo il Concerto di Bach in fa minore. Ha iniziato i suoi studi musicali a quattro anni e si è diplomata in pianoforte sotto la guida di Benedetto Lupo al Conservatorio di musica Nino Rota di Monopoli, dove ha anche studiato composizione con Marco della Sciucca. Ha in seguito studiato con Arie Vardi ad Hannover e di nuovo con Benedetto Lupo all'Accademia di Santa Cecilia.

Attualmente Beatrice Rana vive a Roma.